Tra i nobili palazzi di Roma: un viaggio alla scoperta di segreti nascosti

SHARE

In pochi sanno che Roma nasconde una vasta ricchezza di opere d’arte tra le mura dei suoi palazzi nobiliari. Sotto gli occhi dei visitatori ignari si celano gioielli di architettura romana, un tempo dimore di principi, papi e re, testimoni dell’infinita grandezza dell’arte umana. Stai per intraprendere un viaggio tra i più segreti ed eleganti palazzi di Roma, all’insegna di arte, storia, e cultura.

Palazzo Doria-Pamphiliji

Il palazzo della famiglia Doria-Pamphiliji, costruito a partire dal XVI secolo, è uno dei più grandi e sontuosi palazzi di Roma, ancora abitato della famiglia nobiliare. Varcato l’ingresso, ti trovi circondato da un colonnato con arcate rinascimentali. Il silenzio è interrotto dal timido gorgogliare di una fontana.

Salendo una larga scalinata, ti ritrovi nella sfarzosa sala di ingresso del palazzo. Il tuo sguardo è catturato da una vorticante moltitudine di dipinti, così grandi da arrivare fino al soffitto! Mentre ti inoltri tra le varie stanze, noti i preziosissimi velluti antichi che adornano le pareti, insieme ad affreschi di gran pregio, al mobilio, e all’oggettistica in marmo di Aquitania. Nella sala del trono ammiri lo sfarzoso baldacchino papale. Nella sala da ballo, invece, se tendi l’orecchio, puoi ancora udire la musica composta da Handel, in onore della famiglia Doria-Pamphiliji! La cappella è un tripudio di marmi policromi, affreschi e figure geometriche. Sotto l’altare sono conservati i resti di Santa Teodora, e del Centurione romano che fu presente alla crocifissione di Gesù.

Più avanti, la galleria d’arte ospita più di mille dipinti, capolavori di artisti indiscussi come Bernini, Caravaggio, Tiziano, Velazquez, Guido Reni e Filippo Lippi. Ma è la galleria degli specchi il vero gioiello del palazzo. Adornata da statue e affreschi di gran pregio, la luce che penetra dalle grandi finestre si infrange sull’oro e sugli stucchi, proiettando bagliori luminosi e riflessi danzanti tutt’intorno. E rimani fermo, incantato, ad ammirare tanta bellezza.

Palazzo Barberini

Poco lontano da Piazza di Spagna sorge l’imponente Palazzo Barberini. Esempio illustre di architettura romana, per secoli ha costituito la lussuosa residenza della famiglia di papa Urbano VIII. Oggi ospita la raccolta della Galleria Nazionale di Arte Antica. Varcato il grande cancello in ferro, ti trovi davanti a ciò che sembra un palazzo reale. Il marmo biancastro e le ampie vetrate della facciata riflettono la luce del sole che ti inonda. Lo sfarzoso atrio d’ingresso ti dà il benvenuto, invitandoti a compiere un viaggio nella storia dell’arte.

Ti inoltri nel cuore del palazzo. Il tuo sguardo si sofferma sulla preziosa tavola della Madonna Advocata, la più antica opera del museo, vecchia oltre mille anni. Da lì, il tuo viaggio prosegue tra gli ori di scuola giottesca, le decorazioni del gotico, le luci del rinascimento, la magnificenza del barocco e la quieta animosità del neoclassicismo. Riconosci il tocco delicato del Tintoretto, ammiri la minuziosità del Canaletto. Soffermi lo sguardo su La Fornarina, ritratto della donna amata da Raffaello, che qui dipinse. Continuando ad esplorare il palazzo, ti ritrovi nell’imponente salone di Pietro da Cortona. La maestosità degli spazi, la preziosità della seta d’oro alle pareti e l’incredibile vorticare di figure affrescate sul soffitto ti toglie il fiato. Più avanti, un brivido ti percorre la schiena mentre ammiri le tavole del Caravaggio, come Giuditta e Oloferne, o Narciso che, davanti a te, si specchia in uno stagno, innamorandosi di se stesso.

Palazzo Corsini

Palazzo Corsini si trova nel cuore di Trastevere, ed è la storica dimora della famiglia di papa Clemente XII e della Regina Cristina di Svezia. Si differenzia da tutti gli altri palazzi di Roma poiché ospita non solo la Galleria Corsiniana, ma anche la Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei, la più antica accademia scientifica del mondo, a cui partecipò anche Galileo.

La galleria d’arte è un piccolo gioiello, che si snoda tra stanze riccamente decorate con oro e affreschi. Le opere appartengono ad artisti come il Beato Angelico, Van Dyck, Lanfranco, Guido Reni, Rubens e Caravaggio. Dalle finestre puoi ammirare l’orto botanico di Roma, con i suoi viottoli, sculture e boschetti. Sul piano nobile, l’antica biblioteca Corsiniana e la Biblioteca dell’Accademia dei Lincei conservano antichissime opere e manoscritti di natura filosofica, matematica, astrologica e… Alchemica!

Tra le mura dei suoi palazzi, Roma nasconde bellezze di valore inestimabile. Chissà quant’altro c’è ancora da scoprire…

  • Palazzo Barberini

    Via Delle Quattro Fontane 13

    39064814591

Our writers' favourites

X
- Enter Your Location -
- or -