La Storia nei parchi: scoprire Milano attraverso i suoi spazi verdi

SHARE


Passeggiare per i parchi di Milano non significa solo immergersi nel verde della città, ma anche nella sua storia e nella storia di tutti noi. Prendersi una pausa dal trambusto metropolitano e respirare un pò di aria pulita leggendo un libro, concedendosi un pic-nic o praticando dello sport, può diventare un’ottima occasione per esplorare i tesori racchiusi in questi eleganti giardini.

Accedendo al Parco Sempione attraverso le porte del Castello Sforzesco, godrai di una splendida vista sui prati all’inglese. In prospettiva, spicca l’Arco della Pace, di età napoleonica, così come l’Arena Civica sul lato nord. Atmosfere fiabesche nel cuore del parco, in direzione del laghetto: è l’oasi del Ponte delle Sirenette, datato 1842 e originariamente posto su un naviglio oggi scomparso, nell’attuale via San Damiano. Sul lato di Piazzale Cadorna, poi, un’opera del grande Giorgio De Chirico è pronta a sorprenderti coi suoi giochi di geometrie e colori: si tratta del complesso scultoreo dei Bagni Misteriosi, realizzato nel ’73 in occasione della XV Triennale di Milano. Ed è nella sede della Triennale, Palazzo dell’Arte, che devi entrare se vuoi vederlo da vicino, poiché una cancellata lo separa dal resto del parco. Del primo Expo di Milano invece, ospitato in Sempione nel 1906, è rimasto lo splendido edificio liberty dell’Acquario Civico (ingresso di viale Gadio): un luogo che lascerà senza fiato adulti e bambini.

Se allo stile romantico inglese preferisci il Settecento francese, amerai trascorrere un pomeriggio all’aria aperta ai Giardini Pubblici Indro Montanelli (gli ex Giardini di Porta Venezia), ovvero il primo parco cittadino che venne aperto al pubblico. Dopo aver passeggiato per il lato sud, ti fermi alla fontana circolare ai piedi del Palazzo Dugnani, imponente nel suo stile rococò, e godi dei getti d’acqua, per poi riprendere il tour. A nord l’irregolarità del piano ha permesso di costruire un paesaggio roccioso con scalinate antiche e statue preziose; ed era proprio qui, fino a non troppi anni fa, lo zoo di Milano! Nel segreto del parco è racchiuso il Planetario Ulrico Hoepli, il più antico d’Italia, realizzato nel ’29. Lo riconosci subito dalla cupola e dal suggestivo ingresso templare. Ha qualcosa di magico. A pochi passi, ecco il Museo Civico di Storia Naturale, bellissimo esempio di architettura di fine Ottocento.

Da lì, ti basta attraversare via Palestro per ritrovarti in uno dei parchi più eleganti di Milano: i Giardini di Villa Reale. Dopo aver visitato il palazzo neoclassico che ospita la Galleria d’Arte Moderna, cui non mancano indimenticabili opere del Canova, ti concedi una pausa rilassante nei giardini sul retro. Costeggi i laghetti pieni di anatre e pesci, attraversi i piccoli ponti – così romantici – sul modello delle rovine antiche, e ti fermi ad ammirare i tempietti sparsi lungo il percorso e la facciata della Villa sullo sfondo. Basta poco per sentirsi catapultati in una piccola Versailles.

La storia del Parco Vittorio Formentano (noto anche come Parco Marinai d’Italia) vicino a corso XXII Marzo, è più recente ma non per questo meno affascinante. Realizzato nel 1969 lì dove sorgeva il Verziere, l’antico mercato ortofrutticolo, il parco ospita nel suo cuore la splendida Palazzina Liberty. La morbidezza art nouveau delle sue forme, così come le incantevoli vetrate e la bellezza del suo stile decorativo, catturano subito lo sguardo. Progettata nel 1908, toccò il culmine della notorietà negli anni Settanta, quando ospitò il Collettivo teatrale La Comune, del futuro Nobel Dario Fo e della moglie Franca Rame.

Quante cose è possibile scoprire di Milano passeggiando per i suoi parchi! Senza dubbio il modo più rilassante e piacevole per conoscere meglio tutte le sue ricchezze.

Parco Sempione

Piazza Sempione Milano Lombardia 20154

+39 0288467383

Get Directions
[gmw_results]

Our writers' favourites

X
- Enter Your Location -
- or -