Lobster bar a Milano: l’astice ora si mangia così!

SHARE


Hai mai provato gli hamburger di astice? Con i lobster bar, astice e aragosta scendono dal piedistallo… Ed entrano nei panini! Una novità ancora poco conosciuta e diffusa che apre un nuovo fronte per i buongustai più esigenti e curiosi. Se i crostacei ti fanno venire l’acquolina in bocca, ma i rituali e l’estetica dei classici ristoranti di mare ti annoiano, il posto che cerchi è un lobster bar a Milano: qui puoi mangiare dell’ottimo astice anche in un’atmosfera informale e contemporanea e, accanto alla consueta cucina di pesce, potrai provare anche il lobster roll, cioè il panino di origine anglosassone a base di astice che ben rappresenta questa piccola rivoluzione.

La tendenza verso ristoranti di mare non convenzionali è in atto già da diversi anni. È aperto dal 2007, per esempio, Langosteria10, in via Savona, che al grido di “Togliamo la cravatta al pesce” si discosta dai cliché degli ambienti e della cucina di pesce più formali pur mantenendo grande cura ed eleganza. Qui, oltre ad astici e aragoste, puoi gustare anche pesci crudi (carpacci e tartare) e ostriche.

A Milano (e in Italia), invece, i lobster bar hanno iniziato a diffondersi dalla fine del 2014. Se sali al settimo piano de laRinascente (tutto dedicato al food, con alcuni bar/ristoranti e alimenti di vario tipo in vendita), puoi provare le delizie del Corallo Lobster Bar. Qui la novità della formula “hamburger di crostaceo” si sposa con una riproposizione dello stile mediterraneo, visibile sia nelle scelte estetiche, con colori solari e ceramiche di Vietri, sia nel menù, che accanto agli hamburger comprende anche paste, insalate e catalane. Fra i panini, sono quattro le varianti a base di crostacei: il classico Lobster Roll (polpa d’astice del Maine e di granchio con salsa agrumata), il ricco Corallo Roll (gamberi, polpa di granchio, carpaccio di scampi e gamberi rossi), il Fish Burger di crostacei (con burrata!), e infine il Surf&Turf, nome che definisce la commistione carne-pesce.

Trovi il Surf&Turf anche nei tre ristoranti milanesi di Ham Holy Burger, catena specializzata in hamburger di carne. Qui è proposto con carne di Fassona Piemontese Slow Food, polpa di astice fresco al coriandolo e prosciutto arrosto. Il Lobster Roll è invece disponibile sia nel panino bianco classico sia in uno nero al carbone vegetale.

Se ti trovi in zona Brera-Garibaldi, la voglia di una cena originale a base di crostacei ti porterà direttamente al Fishbar de Milan, in via Montebello. È un posto chic e al contempo informale, caratterizzato da mattoni chiari a vista e da una prevalenza del bianco e del blu. Qui la parola d’ordine è “fusion”: all’accoppiata tradizione italiana/suggestioni anglosassoni si aggiunge infatti anche un tocco di Asia e America latina. Cinque i panini: Burrito in versione polpo o gamberi, Salmonburger, King Crab Burger (burger croccante di granchio con salsa al wasabi) e Maine Lobster Roll (aromatizzato con erba cipollina e lime).

Ma forse il locale più aderente alla filosofia del lobster bar a Milano è il Lovster & Co, fra Piazza della Repubblica e la Stazione Centrale. Qui tutto è a base di astice: oltre che nei modi tradizionali e nel panino, lo puoi assaggiare anche in tempura. Ci puoi andare non solo a cena, ma anche all’ora dell’aperitivo o a pranzo, per consumare un break di lavoro diverso dal solito. L’atmosfera è molto easy, con mattoni a vista (in questo caso rossi) e un mood vagamente newyorkese.

“Se esiste in Italia, qui lo trovi”. Il detto vale anche per i lobster bar a Milano. Essere in una città aperta al nuovo è un piacere anche per la gola.

Our writers' favourites

X
- Enter Your Location -
- or -